7 Giugno 2023 1022 parole, 5 lettura minima

ChatGPT plugins : un’innovazione per la vendita al dettaglio di prodotti alimentari online?

Di Pierre-Nicolas Schwab Dottorato di ricerca in marketing, direttore di IntoTheMinds
La maggior parte degli acquisti alimentari viene ancora effettuata in negozio. Le vendite online si sono stabilizzate dopo la crisi di Covid. Negli Stati Uniti, le vendite di prodotti alimentari nel marzo 2023 (8 miliardi di dollari) sono state addirittura […]

La maggior parte degli acquisti alimentari viene ancora effettuata in negozio. Le vendite online si sono stabilizzate dopo la crisi di Covid. Negli Stati Uniti, le vendite di prodotti alimentari nel marzo 2023 (8 miliardi di dollari) sono state addirittura inferiori a quelle del marzo 2022 (8,7 miliardi di dollari). Ciononostante, il canale online rimane una priorità strategica per i rivenditori. Ma è appena emersa una minaccia: I plugin ChatGPT. Questi potrebbero aggirare le applicazioni dei distributori, come ha fatto Jow in Francia e negli Stati Uniti.

Contatta l’agenzia IntoTheMinds per la tua ricerca di mercato

Se hai solo 30 secondi

  • L’e-commerce alimentare è una priorità per i rivenditori, nonostante il rallentamento delle vendite. In Europa, la quota delle vendite online (alimentari e non alimentari) è scesa al 4,3%, e negli Stati Uniti le vendite alimentari online diminuiranno tra marzo 2022 e marzo 2023 ($ 8 miliardi invece di $ 8,7 miliardi dell’anno precedente).
  • Le ricette sono una leva importante per i rivenditori: consentono il cross-selling e aumentano il valore del paniere medio.
  • I rivenditori che utilizzano Miam vedono i cestini più costosi del 20% rispetto al normale.
  • Diversi modelli coesistono:
    • Siti web di ricette che vivono di pubblicità.
    • ricette proposte dai rivenditori nelle loro applicazioni di e-commerce
    • applicazioni di terze parti (come Jow, Miam, Innit o FlyMenu) che propongono centinaia di ricette e trovano gli ingredienti presso il distributore di tua scelta.
  • Jow: 5 milioni di utenti registrati, di cui 1,5 milioni attivi ogni mese
  • 250.000 ordini effettuati ogni mese su Jow
  • Jow genera 300 milioni di € di fatturato
  • I plugin ChatGPT sono un’estensione del modello Jow, offrendo flessibilità totale e personalizzazione infinita.

Ricette ed e-commerce: le 3 tappe dell’evoluzione

Tutte le catene di supermercati offrono ormai un’applicazione per la spesa online. La maggior parte propone anche ricette per soddisfare il bisogno di idee dei clienti. I clienti possono scegliere le ricette che preferiscono e gli ingredienti vengono aggiunti automaticamente al carrello.

Le ricette sono diventate un’attività fiorente con diversi modelli di business.

Siti web di ricette

I siti web di ricette sono grandi generatori di traffico, ma sono minacciati da chatGPT e altri generatori di AI. Questi siti sono completamente scollegati dall’ecosistema di vendita al dettaglio, in modo che l’esperienza del cliente possa essere più ottimale. Il cliente interessato a una ricetta dovrà comunque trovare da solo gli ingredienti… se li troverà.

Ricette nell’applicazione del rivenditore

Il modello più comune è che i rivenditori propongano ricette ai loro clienti. Non c’è personalizzazione. Si tratta della stessa serie di ricette per tutti i clienti in qualsiasi momento. Il vantaggio è che si possono mettere tutti gli ingredienti nel carrello con un solo clic.

Plugins chatgpt ricette

Nelle app dei rivenditori viene generalmente presentato un numero limitato di ricette, che variano di settimana in settimana. Ecco un esempio tratto dall’app del rivenditore belga Colruyt.

Ricette al di fuori dell’app del rivenditore

Il vantaggio di Jow rispetto alla versione proposta dai rivenditori è la scelta delle ricette. Questo è il modello Jow (ma anche Miam, Innit e FlyMenu, per citarne alcuni). È un’app che propone centinaia di ricette. Collegando l’app ai conti dei distributori si possono ordinare tutti gli ingredienti con un solo clic.

Plugins chatgpt Jow innovativa

L’applicazione Jow consente di passare dalla ricetta all’ordine con un solo clic. Crediti: Jow


Perchè l’app Jow è innovativa

L’app Jow funziona principalmente attraverso un algoritmo di raccomandazione. Si inseriscono il profilo della famiglia, le preferenze, le intolleranze e l’attrezzatura e l’app propone ricette ad hoc. Fin qui tutto bene. È solo una questione di regole aziendali che consentono di ordinare un database di ricette.

Plugins chatgpt un'estensione naturale di Jow

Ma diventa magico quando gli ingredienti della ricetta vengono automaticamente messi nel carrello del distributore di vostra scelta. La forza dell’app Jow sta nella sua capacità di connettersi alle app dei vari distributori del vostro Paese e di abbinare automaticamente il loro assortimento agli ingredienti di cui avete bisogno.

Plugins chatgpt un'estensione naturale di Jow

Il modello di business di Jow è interessante perché cambia le regole del gioco. Jow gestisce il rapporto con il cliente sovrapponendosi alle applicazioni dei rivenditori. E a quanto pare, questa gestione della relazione è un successo. Permette alla PMI francese di effettuare 250.000 ordini al mese e di generare un fatturato di 300 milioni di euro. Un record per un’azienda con un capitale di soli 13.000 euro


I plugin di chatGPT sono un’estensione naturale di Jow

Ma c’è ancora di più in Jow. I plugin di ChatGPT, e in particolare quello di Instacart, rompono ogni barriera:

  • chatGPT dà accesso a un elenco infinito di ricette
  • ogni ricetta può essere personalizzata a piacere (“un po’ meno di questo”, “un po’ di più di quello”, “ho già questo ingrediente”, ecc.).

C’è qualcosa di magico nel vedere il plugin di Instacart funzionare in ChatGPT. ChatGPT offre una flessibilità totale all’utente, che può modificare le ricette a piacimento. Tutte le varianti diventano possibili. E il plugin, per qualche miracolo che non so spiegare, trova tutti gli ingredienti nell’assortimento di Instacart.

 

Nell’esempio qui sopra, ho chiesto a ChatGPT la ricetta della pasta alla carbonara e poi gli ho chiesto di ordinare solo gli ingredienti che non avevo. Il plugin fa tutto il lavoro e propone un URL personalizzato per effettuare direttamente l’ordine. L’esperienza dell’utente è straordinaria e lo sforzo del cliente è minimo.


Plugins chatgpt conclusione

Riflessioni finali e conclusione

I plugin di ChatGPT hanno una componente dirompente che solo alcuni capiscono. Riducono drasticamente lo sforzo dell’utente nel passare dalla richiesta (il prompt) al risultato finale. Inoltre, questi plugin possono nutrirsi di dati comportamentali, cioè delle tracce digitali che l’utente lascia quando naviga (i famosi dati impliciti). Ed è proprio questa componente cognitiva che finora è stata dannosa per la ChatGPT (si veda la mia analisi qui).

Questi plugin rappresentano una grave minaccia per i rivenditori, poiché probabilmente si sovrapporranno alle loro applicazioni. Ciò solleva la questione di chi “possiede” il cliente. L’esempio di Jow dimostra che una proposta di valore attraente può catturare una quota di mercato significativa e cambiare le abitudini dei clienti. Il prossimo passo sarà quello di andare oltre, offrendo ai consumatori la possibilità di personalizzare le ricette. In questa corsa c’è un vantaggio per chi arriva prima, e i rivenditori hanno già perso la gara. Non stupitevi quindi se i rivenditori tradizionali spendono milioni per Jow, Miam, Innit o FlyMenu.



Posted in innovazione.

Pubblica la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *