1 Febbraio 2023 1171 parole, 5 lettura minima

Direct marketing: definizione, vantaggi e obiettivi strategici

Di Pierre-Nicolas Schwab Dottorato di ricerca in marketing, direttore di IntoTheMinds
Il direct marketing mira ad avvicinarsi il più possibile ai clienti. Li sollecita a ottenere risposte immediate a una determinata situazione. Questo processo si basa molto sul target marketing poiché il suo scopo è quello di fornire messaggi personalizzati. I suoi vantaggi sono diversi e […]

Il direct marketing mira ad avvicinarsi il più possibile ai clienti. Li sollecita a ottenere risposte immediate a una determinata situazione. Questo processo si basa molto sul target marketing poiché il suo scopo è quello di fornire messaggi personalizzati. I suoi vantaggi sono diversi e variegati, anche se si evolvono essenzialmente intorno alla sua redditività e alla fedeltà che genera. Seguendo la nostra definizione del concetto, troverai tutte le informazioni necessarie sui suoi benefici. Infine, proporremo 3 linee guida strategiche che avranno un impatto sulla tua attività.

Contattaci per misurare la soddisfazione dei tuoi clienti


Sommario


Che cos’è il direct marketing?

Il direct marketing fa parte del campo della pubblicità. Questa pratica consiste nel comunicare in modo personalizzato al proprio target di marketing. Il suo obiettivo è chiaro: ottenere risposte dirette e chiare dai clienti. In definitiva, si tratta di un processo economicamente vantaggioso che influenza positivamente la fedeltà dei clienti.

Questa strategia è unica. La sua propensione ad aumentare le vendite del marchio lo distingue dalla massa. Il direct marketing si manifesta spesso attraverso:

  • E-Marketing
  • Telemarketing
  • O anche il marketing da catalogo

Oggi, troviamo spesso questa forma di marketing online attraverso CTA (call-to-action). Certamente conosci queste forme. Ecco alcuni esempi:

  • Iscriviti alla nostra Newsletter
  • Approfitta del nostro ultimo sconto
  • Clicca qui per saperne di più

In breve, questo tipo di marketing semplifica la comunicazione delle aziende con i propri clienti. Il flusso di informazioni è più fluido. Alla fine, il rapporto tra clienti e marchi è più stretto. In effetti, questo processo si adatta rapidamente a nuove forme di comunicazione specifiche per le campagne di marketing (Stone & Woodcock, 2014)

Il direct marketing e i suoi 3 principali vantaggi

Concentriamoci ora sui vantaggi del direct marketing. Qui, ci concentriamo sui suoi 3 vantaggi più tangibili:

  • Il suo rapporto costo-efficacia
  • La sua propensione ad aumentare la soddisfazione del cliente
  • E la sua capacità di attrarre sempre più lead

È una pratica redditizia

Innanzitutto, ricordiamo che il direct marketing paga più di quanto costa. Questo va anche oltre e non solo aumenta le vendite delle aziende. Promuove anche la crescita dei marchi. Questo processo si basa su un buon targeting ma anche su un marketing dei dati avanzato. Tutto questo insieme porta all’ottimizzazione delle attività di marketing da parte delle strutture aziendali.

È meglio capire il tuo pubblico di destinazione per raggiungere meglio i tuoi clienti. Solo così si può trasmettere il messaggio giusto. Inoltre, nell’era del continuo sviluppo dei social network digitali, il termine “direct marketing” deve essere messo in prospettiva. In effetti, sta diventando sempre più comune integrare questa comunicazione diretta con il suo pubblico di destinazione. (Palmer & Koenig-Lewis, 2009)


Migliora la soddisfazione e la fedeltà del cliente

Il direct marketing non è efficace senza motivo. Non solo è vantaggioso per i marchi, ma contribuisce anche alla soddisfazione e alla fedeltà dei clienti. Il motivo è molto semplice: questa pratica si basa su una forte personalizzazione del messaggio di marketing per raggiungere i suoi obiettivi. In questo senso, potrebbe essere chiamato account-based marketing, data la sua propensione ad avvicinarsi sempre più ai clienti chiave. Esistono diversi modi per sfruttare la conoscenza del mercato per convertire i potenziali clienti e fidelizzare i clienti. Ecco alcuni esempi:

  • Sistema di ricompensa: soprattutto per i tuoi clienti abituali (programmi fedeltà, accesso anticipato, promozioni e così via).
  • Brand image audit: quale modo migliore per migliorare la tua offerta e impreziosire la tua e-reputation se non con il feedback dei clienti?
  • E-mail personalizzate: un modo ideale per costruire rapidamente forti legami con i potenziali clienti in procinto di effettuare un acquisto

Contatta la nostra società di ricerche di mercato per valutare la tua brand awareness


Il direct marketing semplifica la lead generation

Infine, vorremmo tornare ad un altro grande vantaggio del direct marketing. Stiamo parlando della sua compatibilità con la lead generation. Infatti, i suoi numerosi strumenti legati all’analisi dei dati o alla marketing automation semplificano il contatto con i lead. Grazie a questo contributo diventa più facile:

  • Riconoscere i canali di comunicazione più efficaci
  • Crea campagne adattea ciascun segmento di mercato
  • E, infine, per aumentare il tasso di conversione dei clienti.

Più concretamente, le aziende risparmiano tempo prezioso grazie a quanto segue:

  • L’automazione delle campagne di mailing
  • Ma anche l’implementazione dell’A/B test (una tecnica quantitativa molto efficaceper misurare direttamente i comportamenti reali del pubblico).

Targeting e personalizzazione per convertire i propri prospect è la missione principale del direct marketing.


marketing direct stratégie


I 3 pilastri di una buona strategia di direct marketing

Molto utile per acquisire e fidelizzare una clientela affezionata, ma il direct marketing ha molte applicazioni. Per stabilire la migliore strategia, presentiamo di seguito 3 angoli di attacco rilevanti:

  • Lavorare bene sul suo targeting
  • Usa i triggercon saggezza
  • Effettuare un monitoraggio costante delle proprie performance di marketing

marketing direct stratégie 1

Definisci il tuo target marketing

È  possibile impegnarsi nel marketing diretto solo con un target corretto. Per questo motivo, dovrai adattare le tue strategie di comunicazione in base ai clienti target. Inoltre, questo è il modo migliore per evitare di perdere tempo a causa della scarsa preparazione.

In quanto tale, è importante ricordare che il marketing diretto è rivolto ai clienti che già conoscono il tuo marchio. Ed è possibile raccogliere informazioni chiave su questo pubblico. Ad esempio, puoi raccogliere i loro dati socio-demografici o identificare i loro interessi. Con questo, avrai tutte le chiavi per produrre contenuti pertinenti a questo obiettivo. Ecco un’altra buona pratica: pubblica regolarmente e su quanti più canali possibili per diffondere il tuo nome online. A proposito, questo ti aiuterà a migliorare il tuo riferimento naturale!

marketing direct stratégie 2

Usa trigger marketing

Ti consigliamo inoltre di utilizzare il trigger marketing il più possibile per aumentare gli effetti del marketing diretto. Questo metodo ha dimostrato il suo valore con le aziende che sono meticolose nel loro targeting. I suoi vantaggi sono simili al direct marketing poiché attira i clienti tanto quanto trattiene i clienti. Inoltre, segue i clienti all’interno del funnel di marketing per accompagnarli verso l’atto di acquisto.

Prendiamo il caso del urgency trigger. Questo innesco mentale spinge l’utente a decidere rapidamente, il che è efficace nel direct marketing. Ad esempio, il trigger potrebbe essere una scadenza per approfittare di una promozione, il tutto spinto da call-to-action molto apparenti.


marketing direct stratégie 3

Impostare gli indicatori chiave di prestazione

Infine, come per molte strategie di marketing, i marchi devono fissare obiettivi quantificabili. E quando si parla di obiettivi, si parla di indicatori di performance. Conosciuti anche come “KPI” (per “prestazioni degli indicatori chiave”), sono di fondamentale importanza quando si tratta di monitorare i progressi dei tuoi obiettivi di marketing. Inoltre, forniscono molte informazioni chiave per perfezionare le tue prossime mosse di marketing.

Questi indicatori devono essere operativi non appena vengono lanciate le campagne. Per le tue attività di business online, Google Analytics rimane l’ABC dell’analisi. Ma ci sono altri modi intelligenti per determinare il successo di una campagna. Ad esempio, perché non incorporare i codici QR nelle tue prossime e-mail? Questi ti consentono di valutare quali dei tuoi potenziali clienti e clienti sono i più avanzati nell’ esperienza del cliente.

marketing direct exemples



Posted in Marketing.

Pubblica la tua opinione

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *